Alessandro Orlandi a TMW: "Bonus 600 euro per collaboratori sportivi: a chi spetta e chi no"

Innanzitutto è opportuno precisare che l’indennità spetta ai collaboratori sportivi e quindi atleti, tecnici, addetti amministrativi e gestionali e figure professionali di questo tipo che abbiano in essere un rapporto di collaborazione con una Federazione Sportiva, con un Ente di Promozione Sportiva, con una Disciplina Sportiva Associata nonché con Società ed Associazioni Sportive Dilettantistiche - ha detto -. Tra i vari requisiti, è richiesto, innanzitutto, che la collaborazione sia in essere alla data del 23 febbraio 2020 e sia ancora pendente al 17 marzo 2020. Il richiedente dovrà altresì dichiarare di non aver richiesto altre forme di indennità previste dal Decreto Cura Italia, di non essere titolare del Reddito di Cittadinanza e di non aver percepito altro reddito da lavoro per il mese di marzo 2020, inteso come reddito da lavoro dipendente o assimilato ovvero reddito da lavoro autonomo”.

Detto ciò, il richiedente deve trasmettere un SMS con l’indicazione del proprio codice fiscale ad un numero di cellulare indicato sul sito web di Sport e Salute - ha aggiunto -. A quel punto, riceverà una risposta con un codice di accesso e la data e l’ora a cui collegarsi al predetto sito web per inoltrare la richiesta. È bene precisare che, ai fini della presentazione della richiesta, non sono previsti limiti reddituali, tuttavia, verranno soddisfatti prima quei soggetti che, nell’anno solare 2019, hanno percepito compensi non superiori ai 10.000 euro”.

Cliccate qui per leggere l'articolo.

Ce site utilise des cookie pour fournir des services de qualité. Si vous ne modifiez pas les paramètres du navigateur, vous acceptez l'utilisation.