È iniziato il countdown per l’apertura del calciomercato in vista del campionato 2020/21. Un mercato che sarà inevitabilmente diverso dai precedenti per il periodo in cui si svolge, ma soprattutto per gli sconvolgimenti che ha portato il Covid-19 anche nel mondo del calcio. Di tutto questo Alessandro Orlandi, fondatore di Studio Assist & Partners, ha parlato ai microfoni di TuttoC.

Orlandi, domanda diretta: cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo calciomercato?

“Calciatori, famiglie e addetti ai lavori devono prendere coscienza del fatto che questo sarà un anno zero per il mondo del calcio. Nuove tempistiche, nuove regole, nuovi budget e prospettive per i club: insomma tutto diverso rispetto alle abitudini dei mercati passati. Serve tanta pazienza da parte di tutti; solo la perseveranza e il lavoro di qualità degli addetti ai lavori potranno fare la differenza"

L’introduzione delle rose a 22 giocatori è un fattore di cui club e agenti dovranno tenere conto.

“Credo che in questo mercato rappresenti la difficoltà principale: è una barriera all’entrata per tantissimi giocatori, anche meritevoli, ma al tempo stesso servirà un lavoro quotidiano dei direttori per modellare il mercato dei propri e calibrarne quest’anno più che mai le spese".

Clicca qui per leggere l'intervista integrale.

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.