Quello appena trascorso è stato un sabato che non dimenticherà mai. Lisa Boattin, infatti, ha realizzato contro Jesina la sua prima storica tripletta in carriera.

L’Agsm Verona ha dimostrato di avere archiviato in fretta il ko con la Res Roma e non ha avuto particolari problemi nel superare la matricola con un netto 9-0: “Segnare tre gol in una partita non mi capita tutti i giorni - ha detto al termine del match -. È andata particolarmente bene e sono felicissima. Al di là dei miei gol, penso che la nostra sia stata un’ottima prestazione di squadra, dovevamo portare a casa i tre punti dopo il passo falso di Roma. Quindi siamo entrate in campo con la giusta convinzione e il risultato è stato la logica conseguenza”.

Insomma, tutti contenti in casa gialloblù, ma per Lisa la gara ha avuto sapore speciale. Già, perchè gara ha rischiato di saltarla a causa di un'infortunio, ma ha stretto i denti e alla fine il premio è stato unico: “Nella gara contro la Roma, per errore mio, mi sono scontrata con il mio portiere e ho rimediato una frattura all’alluce. Non pensavo di giocare, ma ho bendato il dito e sono riuscita a scendere in campo lo stesso. E direi che ne è valsa la pena. Ad ogni modo non possiamo sederci sul risultato eclatante, dobbiamo pensare subito al Tavagnacco perché ci attende una trasferta molto ostica e per ottenere i tre punti dovremo mettere in campo ancora più determinazione”.

E per coronare una giornata stupenda è arrivata per Lisa la convocazione in Nazionale per lo stage in programma dal 12 al 15 febbraio presso il Centro tecnico federale di Coverciano, ultimo appuntamento in vista della partecipazione alla Cyprus Cup (1-8 marzo). Insieme a lei anche Giorgia Spinelli (Inter Femminile), Elena Linari (Fiorentina Women's) e Aurora Galli (AGSM Verona).

 

 

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.