È una delle new entry nella squadra di Studio Assist. Per qualità e visione di gioco Michael Girasole è un elemento di assoluto valore per la Lega Pro e grazie alla sua esperienza – fatta anche di diverse presenze in Serie B – può essere il valore aggiunto in questo finale di stagione per i rossoneri.

Michael, vi aspettavate di poter arrivare così in alto?

“Onestamente dopo il girone d'andata no. Siamo stati bravi a cambiare marcia nel ritorno e conquistare una bella serie di risultati consecutivi. Ora siamo a due punti dalla salvezza matematica, ma non dobbiamo abbassare la guardia”.

Qual è il vostro segreto?

“Il mister prepara bene le gare durante la settimana e noi cerchiamo di mettere in campo i suoi insegnamenti il giorno della partita. Ultimamente ci sta riuscendo tutto e questo si vede. Abbiamo un grande gruppo, un tecnico preparato e una società sana, proprio quello che cercavo in estate”.

Col passaggio al 4-4-2 avete trovato anche solidità e risultati.

“Sicuramente ha inciso perchè è un modulo che ci permette di sfruttare la velocità degli esterni e la forza dei nostri attaccanti”.

La sfida col Piacenza può rappresentare uno stimolo ulteriore?

“Mah non credo. Cerchiamo di guardare in casa nostra, quello che fa il Piacenza è poco importante. Noi abbiamo i nostri obiettivi e dobbiamo focalizzarci su quelli”.

Come giudichi la tua stagione?

“Durante l'andata sono stato frenato da qualche problema fisico che sono riuscito a superare. Ora sto bene. Nel girone di ritorno ho trovato più spazio e sono felice per questo. Spero di dare una mano alla squadra a crescere ancora”.

Chi è la favorita per la promozione in Serie B?

“L'Alessandria ha una rosa di valore superiore e credo che sia sicuramente favorita per la vittoria del campionato. Allargando il discorso ai play off credo che Cremonese e Arezzo siano ben attrezzate”.

Dove può arrivare il Pro Piacenza?

“Siamo in un buon momento di forma e non vogliamo fermarci. Ripeto, chiudiamo il discorso salvezza e pensiamo a una gara alla volta. Se dovessimo centrare un posto nei playoff ci faremo trovare pronti. Penso che dopo il derby si possa tracciare un primo bilancio, ma già la prossima gara dirà di che pasta siamo fatti”.

E Girasole?

“Voglio stare bene, essere a disposizione del mister e magari segnare un gol che ormai manca da troppo tempo”.

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.