Sembra non conoscere sosta la scalata del Padova che grazie a una rete di Neto Pereira, settimana scorsa, ha sbancato il Braglia di Modena portandosi al secondo posto in classifica alle spalle della corazzata Venezia. Segnano i biancorossi e non subiscono, merito anche della solidità difensiva ritrovata grazie ad Andrea Sbraga che, nelle ultime, settimane ha ritrovato al continuità tanto cercata.

O io o Russo avremo il duro compito di sostituire Emerson - ha dichiarato a Il Mattino di Padova -. Io non ho problemi, mi adatto a tutti i ruoli della difesa. Emerson ci garantisce una grande regia, è il punto di partenza del nostro gioco, ma sono sicuro che, come successo per altre pedine, sarà rimpiazzato alla grande. Siamo un po’ in emergenza, ma in coppa tutti i giocatori di questa rosa hanno dimostrato il proprio valore e sono sicuro che sarà così anche in campionato. Non possiamo permetterci distrazioni, abbiamo almeno un secondo posto da difendere”.

Nelle ultime settimane Andrea ha ritrovato il minutaggio che in una fase della stagione era venuto meno, dimostrando pazienza e dedizione al lavoro, caratteristiche che gli hanno permesso di ritrovare una maglia da titolare: “Devo ammettere che non mi aspettavo di uscire dall’undici titolare nel girone d’andata. Non è facile, non ero abituato a una situazione del genere. A quel punto non potevo far altro che allenarmi bene, fiducioso che sarebbe arrivato il mio momento. Credo nel progetto sposato lo scorso anno e soprattutto credo nella forza di questa squadra. L’alternanza in una formazione che lotta per il vertice ci sta, ora spero di dimostrare a pieno il mio valore. Essere la miglior difesa del girone è un orgoglio, ma il merito va a tutta la squadra, dagli attaccanti che si sacrificano a Bindi che fa parate incredibili”.

Foto: www.padovacalcio.it

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.