Chi l'ha detto che nessuno è profeta in patria? Forse qualcuno che non conosceva Elena Linari. Già, perché il difensore della Fiorentina Women's è stata tra le principali artefici del successo viola in campionato al termine di una cavalcata straordinaria.

Il 2-0 conquistato contro Tavagnacco, nella splendida cornice dello Stadio Artemio Franchi, con oltre 7000 spettatori, è stato solo l'ultimo capitolo di una storia iniziata la scorsa estate e che ha avuto l'epigono che tutti in riva all'Arno si auguravano: lo scudetto.

Un tricolore mai in discussione, sottolineato dalla lunghissima striscia di vittorie consecutive, dal dominio negli scontri diretti contro le altre big Brescia, Mozzanica e AGSM Verona (la squadra di mister Fattori ha perso solo tre punti su 18 disponibili) e dai numeri di una difesa praticamente impenetrabile, capace di subire appena sette reti in tutta la stagione, anche grazie all'apporto di Elena, vera leader del reparto arretrato viola e della Nazionale che questa estate affronterà un Europeo mai così atteso. 

Ma per pensare all'Azzurro c'è ancora tempo. Prima c'è da conquistare anche la Coppa Italia, perché vincere in patria sarà anche difficile, ma come ci ha insegnato la ragazza di Fiesole, quando accade è ancora più bello. 

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.