Nonostante i soli 23 anni, Elena Linari è tra le giocatrici più esperte e vincenti del nostro campionato. Dopo i successi con Brescia, la ragazza di Fiesole ha fatto una scelta di cuore, tornando a casa - alla Fiorentina -  per imporsi con la maglia che più ama, quella viola.

Elena è una giocatrice, ma anche una ragazza con le passioni tipiche delle sue coetanee come la musica house e pop, i libri e l'amore per il suo cane Baloo. A queste si aggiungono quella per gli scarpini da calcio che sono sono lo strumento del suo mestiere e del suo vero amore, il calcio. 

“A casa il calcio si è sempre seguito, ma io facevo nuoto. Presto però ho iniziato ad andare ai giardini con gli amichetti, perché all’acqua preferivo la terra e alle bracciate i calci al pallone. Un giorno un compagno mi invitò a fare un provino per l’Atletica Castello - ha raccontato a Gianlucadimarzio.com -. Da quel momento non ho più smesso, con il pieno sostegno di mamma e babbo”.

Elena è un difensore, ma quando c'è d'andare all'attacco, anche nella dialettica, non esita e dimostra di avere idee chiarissime anche quando affrontiamo il tema delicato del calcio femminile in Italia: “Servono investimenti, un progetto serio e più visibilità, magari con l’aiuto dei club maschili. E poi il passaggio dallo status di dilettanti a quello di professioniste sarebbe una conquista enorme, perché oggi, tante giocatrici sono costrette ad avere un lavoro oltre il calcio e nella peggiore delle ipotesi a rinunciare a uno dei due”.

 

Cliccate qui per leggere l'articolo completo.

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.