L'aria di casa ha fatto evidentemente bene a Pietro Cogliati che dal suo arrivo a Monza ha saputo ritagliarsi uno spazio importante e fino a oggi ha conquistato 12 presenze e una rete. I biancorossi sono tra le sorprese della stagione, ma il ritornello più gettonato dalle parti di Monzello è "lavorare e non fare voli pindarici". Abbiamo approfittato del turno di riposo del campionato per raggiungere Pietro e fare il punto della situazione.

Pietro, direi che il bilancio fino a ora è più che positivo.

"Sì, ma dobbiamo rimanere coi piedi per terra e pensare alla salvezza, quello che viene in più sarà bene accetto, ma ci penseremo più avanti. Dobbiamo concentrarci su quello che ci insegna il mister, sviluppare il gioco che ci chiede e fare buone prestazioni per raggiungere l'obiettivo".

Quando scendete in campo date la sensazione di essere "squadra". Ti aspettavi che accadesse dopo così poco tempo?

"Uno si aspetta che le cose vadano sempre per il verso giusto, poi è il campo a dire l'ultima parola. Qui c'è un gruppo di giocatori che ha giocato insieme già l'anno scorso e va dato merito alla società di non avere stravolto la squadra. Questo è stato un bene perchè ha permesso ai nuovi di calarsi nella mentalità e nei meccanismi di gioco di questo Monza".

Contento della tua stagione?

"Un giocatore non si deve mai accontentare, ma lavorare per farsi trovare pronto e cogliere le occasioni che capitano".

Tra l'altro hai instaurato un bellissimo rapporto coi tifosi...

"È una domanda che mi ha fatto anche un tuo collega qualche tempo fa. Non so da cosa dipenda questa empatia, ma sicuramente mi fa piacere il sostegno dei tifosi. Serve a me e serve a tutta la squadra. Anche grazie a loro vogliamo fare sempre meglio".

Monza può essere una tappa chiave nella tua carriera?

"Sicuramente qui ci sono tutti i presupposti per fare bene: uno staff di categoria superiore e molto preparato, strutture ottime con un centro che permette di allenarsi al meglio. Ora sta a me".

Che campionato ti aspetti?

"La corsa ai playoff sarà molto tirata perchè ci sono tante squadre racchiuse in pochi punti e bastano un paio di risultati postivi per risalire la classifica o negativi per perdere posizioni. Poi in Serie C capitano spesso risultati imprevedibili quindi è presto per fare previsioni". 

Chiudiamo con gli obiettivi, tuoi e di squadra.

"L'obiettivo che mi sono posto è quello di dare il 100% in campo e non pensare a tutto il resto. I risultati arrivano in base a quello che si fa sul terreno di gioco. Il Monza deve pensare a salvarsi, tutto quello che viene in più è ben accetto".

 

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.