Le ambizioni di promozione della Robur Siena di Andrea Sbraga passano dall'atteso match di domani (ore 18.30) che vedrà i bianconeri impegnati sul difficile campo dell'Arezzo.

Uno dei derby più caldi dell'intero panorama di Serie C potrebbe, quindi, rivelarsi un crocevia fondamentale per due società impegnate su fronti diversi. La squadra di Sbraga è stabilmente nei piani alti della classifica da inizio stagione e nel ultime settimane è riuscita nell'impresa di rimontare e superare il Livorno, in un testa a testa nel quale nessuna delle compagini può concedere nulla, anche in considerazione della grande stagione del Pisa, terza forza del campionato, distante rispettivamente tre e due punti (anche se con una gara in più). 

Siena primo non per caso: i bianconeri hanno la migliore difesa del girone assieme al Monza con sole 25 reti subite, ma soprattutto la miglior squadra per rendimento in trasferta (32 punti conquistati in 16 partite, frutto di 10 vittorie, due pareggi e solo quattro sconfitte, con 22 reti fatte e 14 subite).

Momento particolare quello che sta vivendo l'Arezzo: in attesa di avere notizie certe sul fronte societario, la squadra sta mettendo orgoglio e determinazione in ogni partita e nelle ultime cinque gare ha raccolto la bellezza di 11 punti, frutto di tre successi e due pareggi. Insomma, per il Siena non sarà affatto facile, anche se i precedenti dicono bene alla Robur che, in 17 incontri, ha collezionato sette successi, più del doppio degli amaranto, fermi a tre. Sette anche i pareggi.

L'incontro sarà diretto dal signor Simone Sozza della sezione di Seregno. Gli assistenti saranno Antonio Vono di Soverato e Nicola Nevio Spiniello di Avellino.

 

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.