Clean sheet è il termine inglese con cui si indica il fatto che una squadra, al termine di una partita, non abbia subito gol. Un aspetto a cui gli allenatori tengono molto, il massimo per un portiere che, per natura, non vorrebbe mai raccogliere il pallone dal fondo del sacco. Ionut Pop è specialista in questa particolare statistica e non è un caso che le sue presenze con la maglia dell'Alessandria coincidano praticamente sempre con risultati positivi.

In particolare, nelle ultime tre uscite di campionato, i grigi hanno conquistato un successo e due pareggi, tirandosi definitivamente fuori dalle zone pericolose della classifica. A fronte di due gol realizzati, ne è stato subito appena uno. Pop, infatti, ha mantenuto inviolata la propria porta sia nel successo per 1-0 contro la Pistoiese del 2 marzo, sia nel pareggio di domenica scorsa contro contro la Virtus Entella. Più in generale, in quattro presenze in campionato, la sua porta è rimasta inviolata per tre volte, mentre considerando anche la Coppa Italia, la media sale a quattro “clean sheet” su sei match disputati.

Un bel “vizio”, che da sempre accompagna la carriera di Ionut; una bella iniezione di fiducia per tutta la squadra alessandrina e anche per il forte portiere rumeno scuola Roma, che ha saputo attendere con pazienza il suo turno per poi dimostrarsi a suon di parate (non dimentichiamoci i penalty fermati l'anno scorso nella finale di Coppa Italia Lega Pro e nell'edizione 2018-2019) uno dei prospetti più interessanti dell'intera Serie C.

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.