Luca Zamparo, bomber classe '94, è tra i protagonisti della stagione della Reggio Audace. I granata lo hanno chiamato per puntare a un rapido ritorno tra i professionisti e lui ha risposto a suon di gol, 17 per la precisione, con cui ha conquistato tutta la piazza: "Ringrazierò sempre i nostri tifosi, mi hanno apprezzato soprattutto come uomo prima ancora che come giocatore. Leggendo i commenti sui social ho notato che hanno apprezzato il mio modo di lottare per la maglia e questo mi rende molto felice. Spero per loro che la squadra possa raggiungere quanto prima i propri obiettivi".

Luca è stato protagonista di una lunga intervista a TuttoserieD in cui si è raccontato a 360 gradi, dai primi passi da calciatore fino alla chiamata di mister Antonioli che l'ha voluto fortemente a Reggio Emilia: "Ricordo che il mister mi chiamò al telefono poco prima del mio arrivo. Mi disse che aveva bisogno di me e ho sempre sentito la sua massima fiducia. È una persona corretta, con lui ho un buonissimo rapporto. Per un giocatore giovane come me è importante sentire la fiducia di tutto lo staff. Non sono mai partito dalla panchina in questa stagione, per me è motivo di grande soddisfazione, significa che sto lavorando bene e i miei sforzi vengono ripagati".

"Il nostro è un campionato positivo. Non dimentichiamo che siamo partiti ad agosto inoltrato, non aver fatto una preparazione adeguata come fanno tutti avrebbe potuto pesare - ha aggiunto -. Per ora è buono ma non ottimo, lo sarebbe stato in caso di vittoria finale. Obiettivamente era difficile lottare per il primo posto, alla lunga i valori sono usciti e credo che la Pergolettese sia meritatamente al comando. Hanno una condizione fisica ottima e sono in fiducia. Anche se la rosa del Modena credo non abbia eguali. Noi lotteremo fino in fondo per il secondo posto".

Domenica c'è la sfida l'Axys, una delle squadre più in forma in questo momento: "Sarà difficile, come ogni domenica del resto. Ci serva da lezione la partita di Voghera, dove loro, seppur ultimi, hanno giocato alla morte e ci hanno messo in grande difficoltà. Tutti vorranno fare bella figura con noi, sappiamo di avere valori tecnici importanti ma dobbiamo metterli in campo."

 

Cliccate qui per leggere l'intervista integrale.

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.