Alessandro Orlandi, fondatore di Studio Assist & Partners, è stato intervistato da Sportface.it per scoprire e approfondire qualche dettaglio in più sul calcio femminile e indagare su alcuni aspetti ancora non così noti come il professionismo e gli sviluppi futuri che si potranno riscontrare dopo il Mondiale. 

Siete stati fra i primi ad interessarvi al calcio femminile. Che potenzialità avevate intravisto già allora?
"Abbiamo voluto esportare il nostro modello di lavoro con i calciatori anche con le ragazze a partire dal 2015. L’idea nasce principalmente per due motivazioni: la prima è rivolta all’estero, poiché il calcio femminile è uno sport professionistico ed estremamente seguito in tanti paesi. Immaginavamo infatti che prima o poi questa ondata sarebbe arrivata anche in Italia. La seconda è prettamente umana, perché le calciatrici lavorano con la stessa passione e forse con più perseveranza dei colleghi tutelati e a volte viziati del maschile, ma senza particolari tutele e valori aggiunti professionali fuori dal campo. Abbiamo piacevolmente notato una purezza e genuinità nelle atlete che gestiamo oltre che una riconoscenza e dei valori umani nettamente superiori rispetto a tanti calciatori incontrati durante il nostro percorso aziendale".

Attualmente seguite tre atlete della nazionale: Elena Linari, Lisa Boattin e Aurora Galli. Qual è stato il loro percorso di crescita nel corso di questi anni?
"Sono tutte ragazze eccezionali, sin dall’inizio del percorso intrapreso insieme a noi. Elena Linari è dalla scorsa stagione l’unica calciatrice professionista italiana, nonché fresca di vittoria della Liga spagnola e di rinnovo contrattuale quadriennale con l’Atletico Madrid. Lo stesso discorso fatto per Elena vale per Lisa Boattin e Aurora Galli. Negli ultimi due anni hanno avuto una crescita significativa vincendo due scudetti da assolute protagoniste con la Juventus. Inoltre hanno rinnovato fino al 2021 con il club bianconero. Ritengo che questo Mondiale stia semplicemente mettendo in mostra quelli che sono i loro meriti e valori".

Cliccate qui per leggere l'intervista integrale 

Intanto si è completato il quadro degli Ottavi del Mondiale di Francia 2019. L'Italia se la vedrà con la Cina. La gara si giocherà il 25 giugno a Montpellier. Queste tutte le sfide in programma:
Norvegia-Australia (22/6)
Germania-Nigeria (22/6)
Inghilterra-Camerun (23/6)
Francia-Brasile (23/6)
Spagna-Usa (24/6)
Svezia-Canada (24/6)
Italia-Cina (25/6)
Olanda-Giappone (25/6)

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.