C'è tanta Italia in questa prima tornata di gare valide per i 16esimi di Women's Champions League. Tra ieri e oggi saranno impegnate la Juventus di Lisa Boattin, Arianna Caruso e Aurora Galli; la Fiorentina di Alce Tortelli e l'Atletico Madrid di Elena Linari che stasera (calcio d'inizio alle ore 20) sfida lo ZFK Spartak Subotica

La giocatrice, perno della formazione biancorossa, è stata raggiunta da La Gazzetta dello Sport per fare un interessante confronto tra il calcio italiano e quello iberico: "Del calcio spagnolo mi piace il tiqui taca, che qui fanno anche le donne, si cerca sempre di giocare la palla, anche con passaggi impossibili".

"Sono andata via dall’Italia e da Firenze, dove ho lasciato un pezzo di cuore, perché volevo crescere, mettermi alla prova in un calcio più evoluto, e sono sempre più convinta di aver fatto la scelta giusta - ha aggiunto -. Adesso per esempio si sta discutendo dei diritti tv e questo è molto positivo. L’Atletico mi aveva cercato nel 2017, ho detto no per rispetto alla Fiorentina perché non mi sembrava corretto mollarli a ridosso dell’inizio della stagione. L’anno successivo gli spagnoli sono tornati alla carica: evidentemente era destino”.

Le attenzioni di questi giorni sono tutte sulla Champions femminile: "C’è ancora un po' di distanza tra le squadre italiane e quelle, ma anche noi dell'Atletico dobbiamo ancora crescere per competere con i paesi con più storia calcistica. L’anno scorso siamo state eliminate agli ottavi dal Wolfsburg, in questa stagione puntiamo a migliorarci”.

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.