L'arrivo del nuovo anno coincide, per il calcio italiano, con l'inizio del calciomercato. Il 2 gennaio, prenderà il via la finestra invernale dei trasferimenti, il così detto “mercato di riparazione”. Per avere un'idea più chiara di quanto potrà avvenire, TuttoC.com ha intervistato il fondatore di Studio Assist & Partners, Alessandro Orlandi.

"Come in ogni edizione invernale, ci saranno i classici piccoli ritocchi di riparazione ma anche qualche grande colpo. In particolare, prevedo movimenti legati ai giovani in prestito da club di A e B, soprattutto quelli alla prima esperienza con i 'grandi' che hanno faticato ad ambientarsi e trovare continuità. Il mercato di C non dispone di grandi risorse economiche, quindi ogni trasferimento sarà ben ponderato dalle varie società - ha dichiarato -. Monza, Vicenza e Reggina non sorprendono nessuno; hanno lavorato in maniera decisa ed oculata durante l'estate, per trovarsi dove sono ora. Sono tre rose che non faticherebbero già per come sono oggi ad affrontare il campionato di Serie B”.

“Per quanto ci riguarda, nella sessione di gennaio ci concentreremo su due o tre rinnovi pianificati di giocatori che nella prima fase di campionato hanno fatto bene e convinto i rispettivi club a prolungargli la fiducia. Nel ruolo più richiesto in ogni sessione di mercato, la prima punta, Francesco Grandolfo della Vis Pesaro sta suscitando l'interesse di vari club dei tre gironi e nei prossimi giorni parleremo insieme alla società, per capire concretamente come muoversi - ha aggiunto -. Stesso discorso vale per il portiere Ionut Pop, che dopo le due stagioni ad Alessandria, ha firmato in estate un triennale in Serie A rumena all'Hermannstadt, ma che non disdegnerebbe l'idea di ritornare in Italia. È un portiere di grande valore, che nelle passate annate è stato fortemente penalizzato dalle regole sui minutaggi legate agli under, valide solamente per i giovani italiani. Potrebbe rappresentare un affare per molte società”.

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.