Alla vigilia del match col Bisceglie aveva promesso una grande partita ed è stato di parola. In uno degli incroci più importanti della stagione del Cosenza, Domenico Mungo ha sfoderato una grande prova, trascinando i suoi a una vittoria dal valore molto superiore rispetto a quello strettamente legato alla semplice classifica del Girone C del campionato di Serie C.

Domenico, iniziamo proprio da sabato. Che gara è stata?

"È stata una gara non semplice perché nel primo tempo siamo partiti un po' col freno a mano tirato, ma nella ripresa siamo entrati in campo con la mentalità giusta, con la voglia di vincere e siamo riusciti a conquistare i tre punti".

A decidere il match è stato un tuo gol. Lo cercavi da parecchio e ne hai trovato uno molto importante!

"È stato un gol più importante che bello (ride, ndr.). I gol belli sono altri, ma per come è andata la gara è stato pesante perché ci ha permesso di ritrovare una vittoria che in casa mancava da cinque mesi".

Dopo la buona stagione passata a cosa sono dovute le difficoltà di quest'anno?

"Partendo male ci siamo affossati da soli dal punto di vista psicologico. Adesso ci siamo ripresi e speriamo di dare continuità ai risultati altrimenti torniamo al punto d'inizio. Le prossime due o tre gare saranno decisive. Finalmente nello spogliatoio c'è più serenità e questo non può che farci bene".

La partita col Bisceglie può rappresentare un nuovo inizio per te e per voi?

"Lo speriamo e lo pensiamo tutti. La prima vittoria in casa ci darà slancio che ci serve per dimostrare il nostro valore. Più che un nuovo inizio, sabato è stato un inizio".

Trovi delle differenze nel Girone C rispetto alla passata stagione?

"Io penso che il Girone C sia sempre il più difficile dei tre. Ci sono squadre forti come il Lecce o il Catania che ha preso un po' il posto del Foggia, o il Matera che è sempre competitivo".

Lunedì vi attende un'altra battaglia, questa volta sul campo del Lecce. Una sfida quasi impossibile? 

"Di partite impossibili non ce ne sono. Se scendiamo in campo con la giusta attenzione come fatto a Reggio o come sabato possiamo dare fastidio a chiunque. l'importante è restare concentrati per 90 minuti e avere voglia di fare qualcosa d'importante. Anche l'anno scorso abbiamo dimostrato di poter mettere in difficoltà il Lecce a casa sua".

Foto: Ilcosenza.it

Questo sito utilizza cookie per erogare servizi di qualità. Se non modifichi le impostazioni del browser ne accetti l'utilizzo.